Amarelli (Rossano): Liquirizia pura di alta qualità

pubblicato il 19 settembre 2011 di Redazione italiaSquisita

La migliore varietà di pianta della liquirizia è la liquirizia calabrese e Amarelli, a Rossano, ha saputo trasformarla in un vero e proprio capolavoro commerciale e di qualità

La pianta della liquirizia, il cui nome scientifico è “Glycyrrhiza glabra”, è conosciuta ed impiegata da circa 35 secoli; essa è presente in molti paesi, come l’Italia, la Grecia, la Turchia, l’Afghanistan, l’Iran e la Mongolia, ma – secondo quanto autorevolmente afferma l’Enciclopedia  Britannica – la migliore qualità di liquirizia “is made in Calabria”. Le piante di liquirizia calabrese nascono spontanee lungo il litorale, dove le caratteristiche naturali del suolo e del clima contribuiscono, insieme, ad elevare il contenuto di glicoside dalla cui presenza deriva la peculiarità del succo di liquirizia. Nei capannoni Amarelli a Rossano (in Calabria), dove si lavora la liquirizia si trovano ancora una grande macina di pietra del 1700 (ovviamente meccanizzata e protetta secondo tutte le attuali norme di sicurezza), che veniva utilizzata per schiacciare i rami di liquirizia. Oggi le radici, sminuzzate da un apposito macchinario, passano attraverso una serie di fasi modernissime e computerizzate, mentre nei cuocitori finali si ritorna allo stadio artigianale. Qui la lavorazione non è dissimile da quella mirabilmente descritta e illustrata dai grandi viaggiatori del diciottesimo secolo. Certo non c’è più il fuoco diretto sotto la grande “conca” in cui bolle la nera pasta, né ci sono più uomini che girano faticosamente la liquirizia che si fa sempre meno fluida, ma c’è ancora  – accanto alla “conca”–  un “mastro liquiriziaio” che controlla l’esatto punto di solidificazione del prodotto. La pasta densa, scura, lucida e profumata viene portata alle forme desiderate attraverso una serie di macchinari prototipo, frutto della centenaria esperienza aziendale. A questo punto c’è da seguire un ulteriore procedimento, la lucidatura, che avviene ancora esclusivamente con l’impiego di forti getti di vapore acqueo, senza aggiunta di alcuna sostanza chimica. Infine, dunque, le liquirizie, nere, brillanti e seducenti, sono pronte per essere confezionate in eleganti scatolette metalliche che riproducono antiche immagini tratte dagli archivi della Casa. La gamma dei prodotti “Amarelli” comprende tutto quanto si può ricavare dalle radici di liquirizia: il semplice bastoncino di legno grezzo, la liquirizia pura dal profumo naturale o con aggiunta di aroma di anice o di menta, le liquirizie gommose profumate all’arancia e alla viola ed  infine la serie dei prodotti   di  liquirizia  confettata, dal  classico  “bianconero” al  ricercatissimo “sassolino dello Jonio”. Esistono, poi, prodotti più fantasiosi come il liquore, il rosolio, la grappa liquirizia, il cioccolato, i biscotti, i torroncini, i tagliolini sempre alla liquirizia e, infine, l’acqua di colonia e lo shampoo-doccia alla liquirizia. La tipologia dei clienti Amarelli è variegata e si suddivide in tre diverse categorie: settore dolciario e liquoristico, erboristico e farmaceutico. www.liquirizia.it

Tags: , , , , , , ,